News

News

domenica
2 Ottobre
More

    Scott Kelly discute con il vicepresidente del consiglio di sicurezza russo

    Pubblicato in:

    L’ex astronauta della NASA Scott Kelly ha restituito la medaglia russa del volo spaziale: “Per favore, consegnalo a una madre russa il cui figlio è morto in questa guerra ingiusta.”

    Il cuore di Scott Kelly si è rimpicciolito dopo un anno sulla Stazione  spaziale - Gazzetta del Sud
    Scott Kelly, nella cupola della Stazione Spaziale Internazionale. Credit: NASA

    Scott Kelly contro la guerra

    Scott Kelly, mostrato qui nella cupola della Stazione Spaziale Internazionale, ha completato una missione di un anno nel marzo 2016. L’ex astronauta ha trovato un altro modo per protestare contro la continua invasione russa dell’Ucraina.

    L’ex astronauta della NASA è stato un accanito oppositore dell’invasione, esprimendo spesso il suo disappunto per l’aggressione russa tramite Twitter e per giunta in russo. (Tutti gli astronauti che visitano la Stazione Spaziale Internazionale devono parlare inglese e russo e Kelly ha tre viaggi al laboratorio orbitante alle sue spalle.)

    Parte dell’ira di Kelly è stata diretta contro l’agenzia spaziale federale russa Roscosmos e il suo capo, Dmitry Rogozin, che ha risposto con insulti a sua volta e alla fine ha bloccato Kelly su Twitter.

    l’influenza di Scott Kelly

    Le parole di Kelly hanno influenza, e non solo perché sono in russo. L’astronauta ha volato a bordo della navicella spaziale russa Soyuz in due dei suoi viaggi alla stazione spaziale e ha completato una missione di un anno a bordo del laboratorio orbitante con il cosmonauta russo Mikhail Kornienko, da marzo 2015 a marzo 2016. Tali imprese hanno fatto guadagnare a Kelly una medaglia russa per il volo spaziale, ma non la vuole più.

    “Signor Medvedev, le restituisco la medaglia russa ‘Per merito nell’esplorazione spaziale’, che mi ha presentato”, ha twittato Kelly mercoledì. “Per favore, consegnala a una madre russa il cui figlio è morto in questa guerra ingiusta. Spedirò la medaglia all’ambasciata russa a Washington. Buona fortuna”.

    Si stava rivolgendo a Dmitry Medvedev, che attualmente è vicepresidente del consiglio di sicurezza russo ed è stato presidente della nazione dal 2008 al 2012 e primo ministro dal 2012 al 2020. Il tweet di Kelly era una risposta a uno che Medvedev ha pubblicato martedì (8 marzo) , che era la Giornata internazionale della donna:

    Buona Giornata Internazionale della Donna a tutte le donne! Vi auguro buona salute, felicità e amore!

    Dmitry Medvedev

    Medvedev ha scritto (in russo) queste parole come didascalia di un video di 105 secondi che ha pubblicato quel giorno.

    Tutti gli scambi di Tweet

    “Vattene, idiota!” Rogozin ha detto in un Tweet rapidamente cancellato. “Altrimenti, la morte della Stazione Spaziale Internazionale sarà sulla tua coscienza.”
    “Dimon, perché hai cancellato questo tweet?” Kelly ha risposto in russo. “Non vuoi che tutti vedano che tipo di bambino sei?”
    In un’intervista con la CNN, Kelly ha descritto l’evento come “la prima discussione su Twitter che abbia mai avuto”.

    Kelly ha detto in un’intervista all’inizio di questa settimana di essersi sentito in dovere di parlare apertamente dopo che Rogozin ha condiviso un video prodotto da Roscosmos che mostra due cosmonauti russi che galleggiano all’interno della stazione spaziale salutando l’astronauta della NASA Mark Vande Hei, che dovrebbe tornare sulla Terra con loro su una navicella spaziale russa Soyuz il 30 marzo.

    “Se si comporterà come un bambino, allora lo tratterò come tale”, ha detto Kelly. “È semplicemente inimmaginabile che il programma spaziale russo lasci una persona indietro nello spazio che era doveva essere riportato a casa. Non dovrebbe accadere”.
    Ma Kelly ha rapidamente riconsiderato la sua versione, dopo aver osservato come ritenesse anche inconcepibile che la Russia avrebbe iniziato un’invasione su vasta scala dell’Ucraina.
    “Anche se ho appena detto che era inimmaginabile, forse potrebbero lasciare indietro una persona. Non lo so”, ha detto Kelly.

    Attualmente ci sono quattro astronauti della NASA, due cosmonauti russi e un astronauta dell’Agenzia spaziale europea che vivono e lavorano a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

    Come si è schierata la NASA?

    Kelly, che parla correntemente il russo dopo aver trascorso diversi anni ad allenarsi nella Star City di Mosca, elogia la maggior parte dei dipendenti di Roscosmos per essere “persone professionali e ragionevoli” che “vogliono che questa collaborazione continui”.

    La NASA è rimasta in silenzio sulle più recenti minacce di Rogozin di abbandonare Vande Hei e staccare il segmento russo dalla stazione spaziale. Ma, la scorsa settimana, la NASA ha detto che non c’erano segnali che la Russia stesse ritirando il suo sostegno alla Stazione Spaziale Internazionale a causa delle sanzioni statunitensi.
    “Non stiamo ricevendo alcuna indicazione a livello lavorativo che le nostre controparti non siano impegnate in operazioni in corso sulla Stazione Spaziale Internazionale. Noi come squadra stiamo operando proprio come tre settimane fa”, ha affermato Kathy Lueders, amministratore associato della NASA per le operazioni spaziali.

    Per quasi un decennio, i veicoli russi Soyuz sono stati l’unico mezzo per portare gli astronauti da e verso la stazione spaziale. Ma quella dipendenza è finita dopo che SpaceX ha debuttato con la sua capsula Crew Dragon nel 2020 e gli Stati Uniti hanno riguadagnato le capacità di volo spaziale umano.
    Ci sono, tuttavia, accordi provvisori per gli astronauti statunitensi per viaggiare su veicoli russi Soyuz e per i cosmonauti russi per volare con SpaceX in futuro. La NASA ha dichiarato martedì in una dichiarazione che “continua a lavorare per un accordo con Roscosmos”.

    La stazione spaziale è stata un faro della cooperazione internazionale per più di due decenni e la NASA rimane fiduciosa che possa continuare. Oltre al previsto ritorno di Vande Hei sulla Terra su un veicolo Soyuz alla fine di questo mese, gli astronauti della NASA si recano regolarmente in Russia per l’addestramento e viceversa.

    L’articolo Scott Kelly discute con il vicepresidente del consiglio di sicurezza russo è stato scritto su: Space CuE | Close-up Engineering.

    Seguici su

    Ultim'ora

    Altri articoli

    1°Ottobre, oggi si celebra il caffè

    “Ah, che bell’ ‘o caféPure in carcere ‘o sanno faCo’ a ricetta di CiccirinellaCompagno di cella, preciso...

    Nord Stream, scoperta la quarta perdita dal gasdotto

    La Guarda Costiera svedese ha individuato una nuova fuga di gas dalle condutture del gasdotto Nord Stream....

    New York Times: smart working ostacola il rientro in...

    Succede a New York: 1316 giornalisti della nota redazione del New York Times hanno espresso il loro...

    Chi sono state le donne più importanti della politica...

    Quando si parla di politica, spesso e forse giustamente, si pensa ad un mondo prettamente maschile, ma...

    Tassi di interesse: la BCE prevede nuovi rialzi

    In seguito all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, l’economia della zona euro si trova ad affrontare una...

    Elezioni 2022, e adesso cosa succede?

    La destra è di nuovo al potere ed era dal 2011 che non ritornava a Palazzo Chigi....